Minaccia il nostro addetto alla vigilanza con una siringa: fermato e arrestato

Il compito dei nostri addetti alla sicurezza patrimoniale e antitaccheggio è carico di responsabilità: richiede un gran sangue freddo oltre che la capacità di gestire anche le situazioni più difficili e, soprattutto, pericolose.

E sono esattamente le doti che ha saputo ben utilizzare un nostro operatore in servizio presso il supermercato Il Gigante di Via Magenta a Rho, quando ha dovuto affrontare un tossicodipendente mentre cercava di scappare dopo aver sottratto alcune bottiglie di alcolici e pochi generi alimentari.

Il soggetto, infatti, vistosi scoperto, ha minacciato il  vigilante con una siringa usata, urlandogli di avere l’HIV e di contagiarlo se lo avesse fermato. Fortunatamente, dopo una collutazione alla quale hanno partecipato anche alcuni carabinieri che erano giunti a dare man forte al nostro operatore, l’uomo è stato bloccato ed arrestato. Si trattava di un ucraino di 32 anni, già noto alle forze dell’ordine, addosso al quale sono state trovate anche altre e due siringhe usate.

Tutto l’episodio è stato vissuto in maniera molto sentita da tutti i presenti, ovvero sia dai protagonisti che hanno bloccato il tossicodipendente, che dai clienti presenti e dai dipendenti stessi del negozio che, vista la situazione, hanno provveduto immediatamente a chiamare la forza pubblica per fornire il giusto supporto al nostro operatore.

Non è noto se effettivamente il soggetto avesse o meno l’HIV, ma quello che è certo, è che ha minacciato i presenti per un furto del valore di poco più di 50 €. E’ stato accusato di tentata rapina improria.

Una nota di merito per l’addetto alla sicurezza che ha saputo gestire la situazione nel migliore dei modi senza che nessuno dei presenti venisse ferito o corresse rischi per la propria incolumità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.